Sul Vulcano

La Scalata

Una tappa a cui non si può rinunciare. Iddu, (il vulcano) è uno spettacolo unico. Ti guarda, brontola, è una presenza costante. Bisogna ricordarselo e rispettarlo. Le escursioni al vulcano si possono normalmente fare tutti i giorni dell'anno (tranne quando il meteo non lo consente). Si impiegano circa 3 ore per la salita, e 2 ore per la discesa, Il tempo di permanenza sulla sua sommità dipende dall'attività del vulcano e può variare dai 15 minuti fino ad un massimo di 45 minuti.
Esistono numerose Guide, potete chiedere di ZaZà, la guida storica dell'isola da Magmatrek (+ 39 090 9865768) o a chi meglio credete perchè sono tutte competenti.

SENTIERI:

Oltre alla scalata sulla cima, l’isola offre parecchi sentieri percorribili da chiunque.
Eccone alcuni veramente belli!



IL SENTIERO DEI CIMITERI:

Il percorso con partenza da Piazza San Vincenzo è in assoluto il più facile, non necessita della guida ed è adatto anche a bambini e anziani. Il sentiero inizia imboccando la via Soldato Francesco Natoli che porta alla stazione geologica, da qui, abbandonata la strada principale, ci si immette in un affascinate sentiero avvolto da macchia mediterranea. Il percorso conduce all’antico cimitero che è stato negli ultimi anni recuperato. Quest’ultimo, risalente all’inizio del secolo, contiene tombe dove sono presenti le ceramiche tipiche del luogo. La discesa prosegue verso il nuovo cimitero dove una lunga scalinata vi riporterà sulla strada principale.

IL SENTIERO AI 400mt.:

Questo sentiero, pensato per comode passeggiate, conduce da San Vincenzo a Punta Labronzo dove s’innalza fino a quota 400 m e percorre orizzontalmente la montagna. Il sentiero ha un’ampiezza di un metro e mezzo circa, nella fascia tra la quota 200 – 250 m il fondo è sabbioso e roccioso; le parti sabbiose, per agevolare la camminata, sono gradinate. Per rendere più piacevole l’escursione sono state realizzate zone attrezzate con panchine e tavoli di legno per la sosta. L’inizio del sentiero avviene tramite la strada che costeggia la chiesa di San Vincenzo fino a raggiungere il cimitero vecchio a 125 m dove è ben visibile lo Strombolicchio; da qui un sentiero conduce ad un vecchio albero di leccio dove alla sua ombra è stata realizzata una piccola piazzuola dalla quale si può ammirare il nucleo abitato di San Vincenzo.
Lasciando la piazzuola si continua a salire, attraversando un boschetto di lecci giungerete al costone roccioso di Cannestrà, a strapiombo verso la zona occidentale. Il punto regala una vista unica della frazione di Piscità e San Vincenzo. Il percorso procede lungo un fondo di lave scoriace nere che raggiunge poi quota 250 m, fino a condurvi ad un punto di sosta attrezzato che precede il bivio dei sentieri per il cratere. La camminata prosegue in direzione Ovest e conduce al Vallonazzo, luogo in cui si può apprezzare la maestosità del burrone. L’attraversamento di questa parte avviene attraverso una discesa di 40 m e una risalita di 20 m sul versante opposto che collega alla mulattiera in pietra a quota 230 m. Il sentiero è stato progettato per far conoscere il vulcano riducendo al minimo l’esposizione ai pericoli. La zona che presenta maggior rischio è quella del Vallonazzo , dove è raccomandabile non sostare. I rari tratti che costeggiano i precipizi sono delimitati da ringhiere in legno, in ogni caso si raccomanda la massima attenzione soprattutto in caso di condizioni atmosferiche avverse.

SENTIERO DA SAN VINCENZO A PIZZO SOPRA LA FOSSA:

Il sentiero, realizzato ex novo nel 2004, permette il raggiungimento della sommità del versante nord-orientale. Questo percorso è tradizionalmente riconosciuto come la via più sicura per raggiungere la vetta. Il sentiero che conduce ai crateri ha una larghezza media di un metro, ben segnalato e facilmente percorribile, alterna fondi sabbiosi e rocciosi. La salita ai crateri segue nella parte iniziale il sentiero che da chiesa San Vincenzo porta a Labronzo, da qui si lascia a destra il sentiero naturalistico pianeggiante per immettersi a sinistra sul sentiero in salita. La zona, coperta da cespugli di cisto, attraversa i classici muri a secco realizzati per scopi agricoli. A quota 340 m nelle prossimità di un albero di leccio vi è una piazzuola di sosta dalla quale prosegue una salita verso la sommità del costone roccioso chiamata Cannestrà a quota 500 m.
Superata questa quota non vi sono punti d’ombra e durante i periodi estivi il percorso si può rivelare decisamente faticoso, per questo è consigliabile affrontare la salita nel tardo pomeriggio, per poter, poi, anche godere della spettacolare visione notturna dell’attività vulcanica. L’ascesa lungo il costone roccioso del Liscione, caratterizzato da lave di colorazione rosso mattone, è stata semplificata con la realizzazione di numerosi tornanti dove ha inizio una fascia arida coperta da sabbie nere e rocce; durante tutto il percorso sarete accompagnati dalla vista di Stromboli e dello Strombolicchio. Il raggiungimento della cresta che separa la Sciara del fuoco al versante orientale è un momento emozionante , vi ritroverete in un paesaggio lunare faccia a faccia con i crateri fumanti, in questo punto è importante scegliere il luogo idoneo per fermarsi ad ammirare l’attività vulcanica a causa dei venti che spostano i fumi di anidride solforosa. La discesa si può effettuare sfruttando due diversi sentieri, oltre quello della salita. Il più convenzionale è quello sul versante sud-orientale, dal Pizzo Sopra la Fossa un sentiero vi condurrà a Pontella delle Croci da dove, anche a passo svelto, si percorre la zona sabbiosa di Rina Grande (uno dei passi più insidiosi perché è stato percorso da una valanga di materiale caldo durante l’eruzione del 1944 ) fino a scavalcare il Liscione. Questo punto è anche noto come “pulizia scarpe” per l’abitudine di svuotarsi le scarpe dalla sabbia raccolta nella discesa. Da questo punto in poi la discesa prosegue con pendenza più accentuata fino a raggiungere la strada cementata. Per quanto il sentiero non sia considerato un percorso ad elevata difficoltà, è sempre bene prestare attenzione poichè i rari punti vicino a precipizi non sono dotati di ringhiere di protezione.